BlogLe ultime novità

Cos'è il risparmio energetico?

Risparmio energetico significa ridurre i consumi di energia necessaria per i nostri bisogni o le nostre attività. Si può ottenere sia modificando le nostre abitudini cercando di limitare gli sprechi, sia migliorando le tecnologie che sono in grado di trasformare e conservare l'energia. Quindi si perfeziona così l'efficienza energetica.

Il nostro scopo è quello di fornire, nell’ambito della climatizzazione ai nostri clienti, le informazione e gli strumenti necessari per iniziare a risparmiare, per ridurre i consumi di combustibile da fonti fossili proteggendo così l’ambiente in cui viviamo e di conseguenza contribuendo alla riduzione dell’inquinamento del nostro paese e dell’intero pianeta.

Come risparmiare energia? Nel piccolo del vostro ambiente domestico

Nelle abitazione, grazie ai sistemi di riscaldamento in pompa di calore che dispongono di contenuti tecnologici, è possibile consumare sempre meno energia e ridurre significativamente le emissioni di gas serra. Si ottengono così ottimi risultati sia per il comfort sia per il rispetto ambientale (risparmio di energia).

 
casa condizionatore risparmio energetico

Ovviamente per conseguire e mantenere tali risultati bisogna anche effettuare una corretta climatizzazione. Per raggiungere il miglior comfort alle temperature indicate, e al contempo contenere i consumi energetici, occorrono comportamenti consapevoli da parte degli operatori presenti nei locali abitativi o lavorativi (uffici). Ecco alcuni suggerimenti:

  • ricorda che in estate la differenza tra la temperatura raccomandata interna agli edifici e quella esterna non dovrebbe superare i 7°C (per esempio temperatura esterna 35°, interna 28°). Differenze eccessive tra temperature esterne ed interne ai locali possono favorire l’insorgenza di malesseri;
  • in inverno, evita di aprire le finestre se fa troppo caldo: se puoi, imposta una temperatura minore;
  • in estate, tieni le finestre chiuse quando è acceso l’impianto di condizionamento;
  • se si usano sale riunioni saltuariamente, ricordati di spegnere il sistema di climatizzazione a fine riunione;
  • in inverno, ricordati di tenere le porte chiuse, per evitare che il calore si propaghi in ambienti che non è necessario riscaldare;
  • in estate, regola il climatizzatore sul consumo energetico ottimale e comunque accendilo solo se necessario.

Inoltre, a minori velocità di ventilazione, la quantità di aria trattata è minore e quindi viene meglio raffreddata e soprattutto maggiormente deumidificata, con conseguente maggiore sensazione di benessere.

Come risparmiare energia? Nel grande del vostro ambiente lavorativo 
Per far fronte ai problemi relativi al surriscaldamento del pianeta è stata emanata a livello europeo la direttiva RES (Renawable Energy Sources) che stabilisce gli obiettivi di produzione energetica da energia rinnovabile da conseguire per ogni stato dell’unione entro il 2020. Per l’Italia tale quota sul consumo finale lordo di energia, è pari a 17%. Per mantenere questi impegni è stato emanato un decreto legislativo (D. Lgs 28/2011) che prevede, per quanto riguarda i nuovi edifici o le ristrutturazioni rilevanti, l’introduzione i limiti, di seguito dettagliatamente riportati:
industriale.energetico

 

A) Con energia proveniente da fonti rinnovabili deve essere coperta una quota non inferiore al 50% del fabbisogno per acqua calda sanitaria (Epacs) (Allegato 3 del Decreto - Comma 1);

B) Con energia proveniente da fonti rinnovabili deve essere coperta una quota non inferiore al 20% del fabbisogno energetico complessivo dell'edificio (Epi + Epe + Epacs) (Allegato 3 del Decreto - Comma 1);

C) Sull'edificio deve essere installato un impianto fotovoltaico sufficiente a produrre una potenza elettrica non inferiore ad un valore stabilito (Allegato 3 del Decreto - Comma 3);

dove:

Epi = Fabbisogno annuo di Energia Primaria per la climatizzazione invernale;

Epe = Fabbisogno annuo di Energia Primaria per la climatizzazione estiva;

Epacs = Fabbisogno annuo di Energia Primaria per la produzione di acqua calda sanitaria;

La pompa di calore, nel nostro caso ARIABOX in quanto fonte rinnovabile termica, darà un contributo determinante per il conseguimento degli obiettivi in particolare perché:

  • ha un’efficienza energetica superiore del 60% rispetto ai sistemi tradizionali a combustione e permette quindi di ottenere classi energetiche degli edifici superiori a questi ultimi;
  • non emette CO2 nel luogo di installazione;
  • utilizza energia rinnovabile presente nell’aria.